Tutti i Bollettini di AMys IL BOLLETTINO DI AMYS nr. 46-2019 - Page 11

all'autore di limitarli a un ruolo secondario e a un'u- nica storia. Quindi si è sviluppata da sola, io non ho fatto altro che assecondarla. È un'ufficiale di Mu, addestrata nelle arti marziali che siamo abituati ad associare alla tradizione del fantasy cinese, abituata a un ruolo che in altri contesti sociali sarebbe esclu- sivamente maschile non a caso le va stretta la regola imposta dalla Reggente di Agarthi secondo cui le donne devono restare a casa a crescere i figli. Tutto ciò non la rende meno femminile, anche se il suo senso del dovere la costringe a sacrificare i propri sentimenti. Fa parte senz'altro della schiera di eroine che si incontrano nei miei romanzi, da Mercy Nightshade Contreras a Rhona la Vampira in Danse Macabre . Alf e cappi allo stand amys che emerge tra L'occhio sinistro e L'ultima legio- ne . Mentre finivo di scrivere il secondo romanzo sapevo già che Xiwa sarebbe tornata, così come il personaggio storico di Amleto Vespa alias Comandante Feng , che è apparso ne L'ultima legione e La Donna Leopardo . E, mentre conclude- vo il terzo, ho di fatto annunciato che la guerriera di Mu avrebbe avuto ancora un ruolo nel libro succes- sivo. Al momento non escludo che ritroveremo Xiwa in qualche altra storia, ma intanto ci sono altre vicende che bollono in pentola e di cui ho gettato le basi ne La Donna Leopardo . C.B. - I quattro romanzi di Martin Mystère scritti da te a partire dal Martin Mystère-L’occhio sini- stro di Rama del sono sicuramente collegati dal tema comune della guerra fra Atlantide e Mu, molto caro ai fan della prima ora del BVZM: in particolare, però, gli ultimi tre potrebbero essere considerati come una sorta di ciclo della Donna Leopardo composto, in ordine cronologico, da Martin Mystère-L'ultima legione di Atlanti- de 4 , Martin Mystère-La donna leopar- do” e Martin Mystère-Le guerre nel buio . Insomma, una trilogia all'interno di un quadro più ampio che stai costruendo romanzo dopo romanzo. A.C.C. - L'ultima legione di Atlantide risolveva la questione del murchadna o murchdana, a seconda delle dizioni rimasta in sospeso da L'occhio sinistro di Rama e originata dal dilemma rappresentato dal Martin Mystère del futuro se un murchadna può essere usato solo dall'individuo cui è destinato, com'è possibile che un clone di Martin possa usare l'arma che è stata di Orloff? Da qui la spiegazione C.B. - Con la Donna Leopardo ritorna anche l'anti- ca guerra fra Atlantide e Mu che ha una parte im- portante in questi tuoi romanzi. Quali sono i prin- cipali elementi che hai preso dalla serie classica di MM e quali, invece, gli elementi originali ideati da te? A.C.C. - Ho ripreso la Guerra come telone di fondo e vi ho inserito molti elementi di mia fantasia, a par- tire dalla base aerea di Tulan Zuyua che si vede all'i- nizio tanto de L'occhio sinistro quanto de L'ultima legione . Dopodiché ho messo in scena i miei perso- naggi, come Yucan Kwam – l'antenato di Martin e Orloff – e le due donne che incontrano Martin mal- grado la distanza temporale Ome Tepel ne L'occhio sinistro e Xiwa negli ultimi due romanzi. L'idea di raccontare l'esodo ad Agarthi dei superstiti di Mu ne L'ultima legione è invece di Alfredo Castelli, un'altra storia che meritava di essere sviluppata. C.B. - Ma tu Andrea, per chi parteggi fra Atlantide e Mu? Non ti nascondo che personalmente mi pia- cerebbe leggere un romanzo che potesse svelarci altri particolari di Atlantide o Mu, casomai anche tornando indietro molto prima del conflitto, in