Luglio 2020 - nr. 53 - Page 20

P A G I N A 20 Giovedì 23 luglio 2020, nell’ambito del seminario “Tra la Luce e le Tenebre. Angeli e Demoni nell’Horror, nella Fantascienza e nel Fantasy” (Parco di Via Comunale Colle Pardo - Genzano di Roma, 23-25 luglio 2020), il nostro Socio, nonché esponente per Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, Luca Mazzocco ha tenuto una interessante relazione dal titolo “Angeli e demoni nell’universo narrativo di Martin Mystère”. Dalla dispensa per seguire la relazione: “Nel 1982, preceduto da una gestazione abbastanza complessa che ha visto una serie di cambiamenti di nome e di collocazione della città di origine, è uscito nelle edicole, ad opera di quella che oggi è la Sergio Bonelli Editrice, un fumetto che ha introdotto una serie di elementi di novità nel panorama del fumetto italiano. Si tratta di Martin Mystère, fumetto che prende il nome dal suo protagonista, un personaggio che si muove in diversi ambiti, tra l’avventura, il fantasy e l’horror, mostrando le sue competenze, dovute in parte alla sua formazione universitaria (laurea in antropologia culturale ad Harvard e specializzazione alla Sorbona e al MIT) e in parte alle sue ricerche, che lo portano a scontrarsi con il mystero in tutte le sue forme, comprese quelle che riguardano il tema del seminario. Infatti si è trovato spesso a scontrarsi con realtà ultraterrene, che possono essere lette, a seconda della loro connotazione, come angeli o demoni, oppure con umani che per effetto di eventi soprannaturali o interventi tecnologici assumevano una connotazione demoniaca. Il mio intervento vuole focalizzare l’attenzione su alcuni personaggi che appaiono più volte sia nel fumetto principale che nello spin-off Storie di Altrove. Da un lato abbiamo in Nefillim, esseri che sono il frutto dell’unione tra gli angeli e gli uomini, partecipando di alcuni elementi di entrambi, mentre dall’altro abbiamo la figura negativa di Algernon Mabus, che unisce elementi umani e demoniaci, passando attraverso e scontrandosi con il nostro eroe più volte nel corso degli anni.”