Coelum Astronomia 251 - 2021 - Page 79

Non passarono che pochi mesi dall’inaugurazione e, nell’aprile del 1964, Arecibo fece la sua prima storica scoperta. Gordon Pettengill e il suo team, usando un fascio radar, rivelarono come il periodo di rotazione di Mercurio fosse di 88 giorni, contrariamente a quanto si pensava precedentemente, ovvero 59 giorni. Nel 1968 fu la volta di una scoperta nello spazio profondo. Richard Lovelace scoprì la periodicità della pulsar del Granchio, provando in modo univoco l’esistenza delle stelle di neutroni. Nel 1974, Russell Alan Hulse e Joseph Hooton Taylor studiarono il sistema binario formato da una pulsar e una stella di neutroni (PSR B1913+16) in rapida rotazione l’una intorno l’altra, uno studio fondamentale nella storia della ricerca sulle onde gravitazionali. Secondo la Relatività generale, l’emissione di onde si traduce in una perdita di energia per il sistema, il quale, per questo motivo, tenderà a chiudersi gradualmente e nello stesso tempo, avvicinandosi tra loro le masse – per la terza legge di Keplero – anche il periodo orbitale dovrà ovviamente decrescere. Questa teoria venne confermata dalle osservazioni di Taylor e Hulse, che misurarono il ritmo di riduzione del periodo orbitale e quindi, indirettamente, il ritmo di emissione di onde gravitazionali. Questo importante risultato valse loro la vittoria del premio Nobel nel 1993.

Furono anni in cui l’Osservatorio di Arecibo acquisì fama internazionale crescente, collocandosi al

Le prime scoperte

Sopra. Le osservazioni di Arecibo sulla frequenza dei lampi radio generati dalla pulsar posta al centro della Nebulosa del Granchio (la stella rossa al centro) hanno supportato l'idea che le pulsar siano stelle di neutroni in rapida rotazione. Crediti: NASA/HST/CXC/ASU/J. Hester er al.

Sopra. I ricercatori Russell Alan Hulse e Joseph Hooton Taylor che nel 1974 grazie alle osservazioni effettuate con il radiotelescopio di Arecibo studiarono il sistema binario PSR B1913+16, portando alla scoperta che valse loro il Nobel nel 1993.

www.coelum.com

79