Coelum Astronomia 251 - 2021 - Page 62

Razzi vettori

Vulcan

La United Launch Alliance (ULA), joint venture tra Lockheed Martin e Boeing,introdurrà il proprio razzo vettore Vulcan Centaur nel corso del 2021, come abbiamo visto sopra in relazione al programma CLPS. Gli attuali vettori gestiti dalla ULA sono gli ex-lanciatori della Boeing Delta II e Delta IV e l'ex-Lockheed Martin Atlas V, pertanto, sin dalla sua fondazione, l’azienda ha sempre perseguito lo sviluppo di un vettore proprio. Il Vulcan Centaur andrà a sostituire il Delta IV Medium e l'Atlas V, mentre il Delta IV Heavy verrà prodotto fino al 2022, per poi essere abbandonato, essendo ormai dedicato solo ai lanci governativi e ormai vittima della concorrenza del Falcon Heavy della SpaceX.

New Glenn

La Blue Origin punta a condurre il volo inaugurale del suo vettore pesante New Glenn entro il 2021. Dopo svariati test sul vettore suborbitale New Shepard, viene il momento per l’azienda di di Jeff Bezos di portare a compimento il progetto più importante a mezzo del motore BE-4, in grado di far volare un razzo a due o tre stadi di poco più corto del Saturno V, che come il Falcon 9 impiegherà un primo stadio riutilizzabile.

A destra. Rappresentazione artistica di New Glenn di Blue Origin. Crediti: Blue Origin

SpaceX “Starship”

La navetta che secondo Elon Musk porterà il genere umano sulla Luna e su Marte ha come obiettivo il suo primo volo nella prima metà del 2021. L’annuncio, che nello stile del magnate è parso più un proclama diretto ad azionisti, media e sostenitori, è stato dato il 28 settembre (che coincideva con l’undicesimo anniversario del primo lancio del Falcon 9) a Boca Chica, Texas, il sito dove il prototipo di Starship, sta prendendo forma con svariati test anche nel momento in cui scriviamo. Se tutto andrà secondo i piani, il prototipo di 50 metri arriverà a raggiungere, per il suo volo ad alta quota, un’altezza di venti chilometri per poi tornare a terra.

Sotto. Uno dei prototipi della Starship costruita da SpaceX. Crediti: SpaceX

COELUM ASTRONOMIA

62