Coelum Astronomia 251 - 2021 - Page 51

ciclo iniziato con Chang’e 1 nel 2007 e che nel corso di 13 anni ha definito la parabola del progresso cinese da paese emergente nell’esplorazione spaziale a vera e propria potenza. Una curiosità: l’ESA supporterà la missione di Chang’e 5 da Terra mediante l’infrastruttura ESTRACK.

In orbita lunare, inoltre, continuano le missioni di Chandrayaan-2 (ISRO), LRO (NASA) e THEMIS-ARTEMIS (NASA) P1 e P2.

Tra la Terra e la Luna

TESS

Una menzione particolare va fatta a riguardo di TESS, il telescopio spaziale in orbita tra la Terra e la Luna, progettato nell'ambito del Programma Explorer della NASA, il cui scopo è la ricerca di pianeti extrasolari. Il 4 luglio scorso il cacciatore di pianeti ha terminato con successo la sua missione principale di due anni, durante la quale ha osservato circa il 75% del cielo, individuando 66 nuovi esopianeti e quasi 2.100 candidati in attesa di conferma. Ora inizia la missione estesa, nella quale l’acquisizione delle immagini sarà tre volte più veloce.

Sopra. L’immagine, che mostra il mosaico creato a partire dalle numerose riprese di TESS, permette di comprendere quanto ampia sia stata la survey di questo telescopio spaziale. Crediti: NASA

Marte

Il mese di luglio ha visto la partenza di una nutrita flotta di sonde e rover diretta verso Marte e che arriverà sul Pianeta Rosso nei primi mesi del 2021. Potevano però essere ancora di più: è mancata infatti all’appello la missione ExoMars di ESA e Roscosmos, il cui lancio è stato rinviato all’estate 2022. La missione, che doveva trasportare il rover Rosalind Franklin, è stata posticipata a seguito dell’impatto della pandemia di COVID-19, avendo scontato più di altre, come

51

www.coelum.com