Coelum Astronomia 251 - 2021 - Page 125

Urano

Mag. +5,8; diam. 3,6"

Osservabile nella prima parte della notte

A ormai due mesi dall’opposizione al Sole, Urano rimane anche in gennaio un soggetto osservabile con profitto per buona parte della notte. Sorgendo a cavallo di mezzogiorno, lo troveremo nel cielo della sera, già molto alto sull’orizzonte di sud-sudest, culminando in meridiano alle 18:49 a metà mese, a un’altezza di quasi 61,3° sull’orizzonte sud, per tramontare alle 1:46.

Avremo ancora a disposizione diverse ore per osservarlo: impossibile da scorgere a occhio nudo, ci servirà sicuramente un buon binocolo per rintracciarlo o, meglio, un telescopio. Lo troveremo tra le stelle dell’Ariete, come i mesi scorsi, nella regione di confine tra i Pesci e il Mostro Marino (Cetus). Per aiutarci nella sua localizzazione potremo sfruttare due stelle di quest’ultima costellazione: Urano si troverà a 5° 31’ a nordovest di Xi2 Ceti (mag. +4,4) e 4° 30’ a nordest di Xi1 Ceti (mag. +4,3) (a metà mese).

Nel corso del mese avremo la possibilità di rintracciarlo anche grazie a Marte, pianeta con cui sarà in congiunzione il giorno 20 (ma l’osservazione è consigliata anche nei giorni immediatamente precedenti e successivi), con una separazione di 1° 37’.

Il giorno 14, Urano sarà stazionario e inizierà successivamente il suo moto diretto.

Nettuno

Mag. +7,8; diam. da 2,3" a 2,2"

Osservabile nella prima parte della notte

Come Urano, possiamo definire anche Nettuno un soggetto ostico da osservare. In gennaio potremo contare su un numero via via più ridotto di ore per dedicarci alla caccia a questo remoto gigante di ghiaccio. Lo potremo localizzare, esclusivamente tramite l’uso di un telescopio di diametro generoso, volgendoci verso sudovest in prima serata: si troverà nella costellazione dell’Acquario, a una distanza di circa 1° 22’ a est-nordest della stella Fi Aqr (mag. +4,2).

A inizio mese, il pianeta tramonterà alle 22:29, orario anticipato alle 20:35 il 31 gennaio. Sta ormai volgendo al termine il periodo di osservabilità del pianeta, diretto verso la congiunzione con il Sole di Marzo.

www.coelum.com

125