Coelum Astronomia 251 - 2021 - Page 124

Marte

Mag. da –0,3 a +0,3; diam. da 10,4" a 7,9"

Osservabile nella prima parte della notte

In gennaio, Marte inizia il nuovo anno tra le stelle della costellazione dei Pesci, già alto sull’orizzonte di sudest, quando il cielo inizia a farsi scuro. La sera del primo giorno del 2021 Marte transita infatti alle ore 19:08, dopo essere sorto in orario diurno, alle 12:22. Questo orario viene anticipato alle 10:59 a fine mese, con la conseguenza che vedremo il Pianeta Rosso tramontare sempre prima nel corso del mese, dalle iniziali 1:55 alle ore 1:15.

In gennaio avremo comunque diverse ore per dedicarci all’osservazione di questo affascinante pianeta, beneficiando della sua ottima posizione già in prima serata: alto ben 62° al momento del transito al meridiano (ore 18:37) a metà mese. Purtroppo però, allontanandosi sempre più la precedente opposizione, vedremo Marte calare via via di luminosità (nel corso del mese la magnitudine diventa positiva) e di diametro apparente.

Il giorno 5 gennaio Marte abbandona la costellazione dei Pesci per entrare in quella dell’Ariete. La sera del 21 gennaio lo troveremo in compagnia della Luna (fase del 58%).

Giove e Saturno

Giove: mag. da –2,0 a –1,9; diam. da 32,9" a 32,5"

Saturno: mag. da +0,7 a +0,5; diam. da 34,8" a 34,5"

Osservabili con difficoltà al tramonto nella prima parte del mese

Dopo lo spettacolare incontro tra i due pianeti giganti gassosi avvenuto lo scorso 21 dicembre, in gennaio vedremo gradualmente Giove e Saturno allontanarsi nuovamente. Il loro abbraccio appassionato è destinato a sciogliersi con i pianeti che già dai primi giorni di gennaio si troveranno a una distanza apprezzabile a occhio nudo, entro i confini della costellazione del Capricorno.

Ma non sarà questo l’aspetto focale che riguarda l’osservabilità dei due pianeti: la loro distanza angolare dal Sole si sta riducendo sensibilmente, con la conseguenza che il loro tramonto avverrà sempre più a ridosso del tramonto del Sole (a metà mese).

Li potremo scorgere a occhio nudo nelle intense luci del tramonto, molto bassi sull’orizzonte ovest. I due giganti del Sistema Solare sono infatti diretti verso la congiunzione eliaca che avverrà nell’ultima decade di gennaio e in particolare il 24 gennaio per Saturno e qualche giorno più tardi, il giorno 29, per Giove.

Salutiamo quindi i due pianeti, con un arrivederci nel cielo del mattino sul finire di febbraio, quando faranno timidamente capolino sull’orizzonte orientale.

Marte e tempesta di sabbia del 24 novembre 2020 di Marco Lorenzi - PhotoCoelum

Giove e Saturno sempre più vicini ripresi il 14 dicembre 2020 di Paolo Bardelli - PhotoCoelum

124

COELUM ASTRONOMIA