Coelum Astronomia 239 - 2019 - Page 84

84

Coelum Astronomia

Astronomia e stampa 3D

Metamorfosi da astrofilo appassionato ad AstroMaker

di Davide Romanini

Sono appassionato di astronomia amatoriale dal 1996/97 un periodo che, probabilmente, vi ricorderà un evento astronomico indimenticabile: il passaggio della cometa Hale-Bopp. Visibile comodamente a occhio nudo, da lì iniziai a seguire la scia dell’astronomia amatoriale. Naturalmente, un po’ come tutti gli appassionati, ho bruciato le varie tappe: astronomia visuale, fotografica analogica, digitale CCD, ecc.

Per arricchire la mia esperienza amatoriale, da alcuni mesi ho aggiunto la stampa astronomica tridimensionale dei corpi celesti e non solo, utilizzando una stampante 3D a tecnologia FDM (Fused Deposition Modeling ovvero Modellazione a Deposizione Fusa).

A dire il vero, inizialmente non avevo intenzione di acquistare la stampante 3D per scopi astronomici (anzi ne ignoravo la possibilità), ma per il semplice fatto che mi affascinava molto il poter creare una forma da un semplice filamento plastico. Pur con il timore di non saperla utilizzare al meglio, non sapendo nulla di stampa 3D, ho voluto ugualmente provare e ho proceduto all’acquisto della mia prima stampante 3D.